Come abbiamo generato €85.380,73 con l'email marketing?

Questi risultati sono il frutto di un approccio strategico all’email marketing, che comprende una combinazione di contenuti persuasivi, call-to-action chiari, una pianificazione accurata delle campagne, dei flussi automatizzati di email, l’analisi accurata dei dati e la segmentazione mirata della nostra lista di contatti. Abbiamo lavorato per offrire ai nostri clienti offerte e promozioni personalizzate, che rispondessero alle loro esigenze e preferenze specifiche.

La strategia di email marketing attuata per il brand di calzature Raf Brand ha dimostrato di essere un potente strumento per la generazione di vendite, consentendoci di raggiungere un pubblico interessato, coinvolto e fedele.  siamo riusciti ad aumentare il fatturato di circa un +27%.

Il periodo che andremo a farti vedere nel caso studio va dal 01/01/23 al 18/08/23, in questo intervallo di tempo l’e-commerce Raf Brand ha fatturato 312.778,82€ e ben €85.380,73 provengono dall’email marketing (+27%).

Step 1. Creare flussi automatizzati

L’automazione delle email consente di inviare messaggi pertinenti e tempestivi in base al comportamento degli utenti, come l’iscrizione a una newsletter, l’acquisto di un prodotto o l’abbandono del carrello.

Ogni email nel flusso automatizzato viene progettata per raggiungere un obiettivo specifico, ad esempio fornire informazioni, promuovere un’offerta o condurre il destinatario attraverso un percorso di vendita.

  1. Welcome Flow: Abbiamo ideato e realizzato un flusso di benvenuto (Welcome Flow), che si attivasse appena un nuovo utente si iscrivesse alla lista email di Raf Brand. Per convincere gli utenti a lasciare i propri contatti offrivamo un codice sconto del 10% nel caso in cui si fossero iscritti alla newsletter.
    Screem Raf WF1Una volta entrato nel nostro funnel di benvenuto, il cliente veniva segmentato in base all’azione che compiva. Per semplificare il concetto, se il cliente effettuava l’acquisto entro un giorno dall’invio della prima mail di benvenuto gli sarebbe arrivata una mail dove lo invitavamo a seguire Raf Brand sui social, mentre nel caso in cui non effettuasse l’acquisto dopo un giorno dall’ invio della prima mail, l’utente entrava in un flusso diverso di email dove il focus principale era quello di comunicargli che grazie al codice sconto aveva la possibilità di avere un risparmio del 10% sul suo ordine.

    Analizzando il flusso di benvenuto nel periodo di Aprile abbiamo notato un abbassamento delle prestazioni di tale automazione, quindi abbiamo fatto un test, dove mettevamo a confronto lo sconto di benvenuto del 10% con uno di 5€. Dal test abbiamo osservato e dedotto che per il pubblico di Raf Brand lo sconto di 5€ era più appetibile, infatti, tutt’ oggi, offriamo un codice sconto di benvenuto di 5€.

  2. Abandoned Cart Flow: Questo è il classico flusso di “carrello abbandonato”. Ovvero quando un utente inserisce dei prodotti nel carrello e non viene effettuato l’ordine dopo 3 ore (l’intervallo di tempo è deciso da noi), attiverà il flusso con il quale gli arriveranno le mail ricordandogli degli articoli lasciati nel carrello.
    Screem Raf WF2

Step 2. Comunichiamo con i clienti, non solo vendere!

Dopo varie analisi abbiamo ideato una strategia di campagne email che contornano le campagne di vendita (promozioni e sconti) e che si concentrano anche sull’interazione e l’engagement con i clienti che è estremamente importante per diversi motivi:

  1. Costruzione del rapporto: Abbiamo creato e inviato delle campagne email che raccontano la storia e il dietro le quinte dell’azienda Raf Brand. Queste azioni aiutano a creare un legame emotivo con i clienti. Questo tipo di comunicazione permette loro di conoscere l’azienda a un livello più profondo, creando fiducia e connessione. I clienti si sentiranno più coinvolti e saranno più propensi a diventare fedeli all’azienda nel lungo termine.

  2. Coinvolgimento degli utenti: Le campagne email che includono storie e contenuti interessanti catturano l’attenzione degli utenti e li coinvolgono attivamente. Questo coinvolgimento può portare a una maggiore interazione, ad esempio attraverso risposte alle email, condivisione sui social media o partecipazione ad eventi o iniziative dell’azienda. Un coinvolgimento più profondo può portare a una maggiore fedeltà dei clienti e all’incremento delle opportunità di vendita.
  3. Branding e reputazione: Raccontare la storia e il dietro le quinte dell’azienda attraverso le campagne email aiuta a rafforzare il branding e la reputazione. Gli utenti avranno una visione più completa dell’azienda, dei suoi valori e della sua missione. Questo può creare un’immagine positiva dell’azienda nella mente dei clienti e influenzare la loro percezione del marchio.

In sintesi, una strategia di campagne email per raccontare la storia e il dietro le quinte dell’azienda è fondamentale per creare relazioni autentiche, coinvolgere gli utenti e consolidare il branding e la reputazione dell’azienda. Questo tipo di approccio, inoltre, può portare a risultati maggiori nelle campagne email dove comunichiamo sconti e promozioni.

Nell’ immagine sottostante si può notare come le campagne e i flussi automatizzati hanno portato quasi la stessa mole di ricavi:
Ricavi Campagne: €40.909,08 (48%)

Ricavi Flussi: €44.471,65 (52%)